L'Eurofighter Typhoon lancia il primo "Storm Shadow".

L'esemplare IPA2 italiano utilizzato per le prove di lancio / foto : Eurofighter Jagdflugzeug GmbH
L'esemplare IPA2 italiano utilizzato per le prove di lancio / foto : Eurofighter Jagdflugzeug GmbH

Un altro importante passo verso la totale polivalenza e soprattutto un'altra pietra miliare nella storia di questa magnifica macchina europea, il consorzio Eurofighter ha annunciato che il 9 novembre scorso è avvenuto il primo sgancio di un missile da crociera aria-superficie MBDA "Storm Shadow" da parte di un Typhoon biposto italiano. Si tratta dell'esemplare IPA2 (Instrumented Production Aircraft) utilizzato da Alenia Aermacchi per le sperimentazioni, è proprio la controllata Finmeccanica ad aver assunto un ruolo importante nell'ambito del programma di integrazione del sistema d'arma con il velivolo europeo, in collaborazione con ingegneri e tecnici di BAE System, MBDA (che si occupa della costruzione dello Storm Shadow) e di Qinetiq, azienda che opera per conto del ministero della Difesa britannico, nel campo della ricerca e sviluppo di nuovi sistemi d'arma.

Il test si è svolto sul poligono di Aberporth sulle coste occidentali del Galles, per l'occasione il missile è stato verniciato con una colorazione gialla ad alta visibilità ed agganciato ad un punto d'attacco subalare destro.

MBDA "Storm Shadow"

I test secondo le dichiarazione del collaudatore di Alenia Aermacchi Enrico Scarabotto, si sono svolti come previsto, le prestazioni dell'aereo non sono state compromesse nonostante la mole pesante del missile, dopo il lancio del nuovo sistema d'arma, il Typhoon può ingaggiare ulteriori bersagli aria-aria senza problemi, confermando uno spettro di capacità operative che, tra tutti gli aerei da combattimento occidentali, soltanto il caccia europeo può garantire.

LO STORM SHADOW


IPA2 con i due Storm Shadow ai piloni subalari / © L. Caliaro
IPA2 con i due Storm Shadow ai piloni subalari / © L. Caliaro

Lo Storm Shadow è la denominazione assunta dalla RAF dello SCALP-EG (Système de croisière conventionnel autonome à longue portée) progettato dalla francese MATRA negli anni '90 e derivato dall'MBDA "Apache" un missile "anti-runaway" (antipista) che dispone di submunizioni piuttosto che di una testata esplosiva a doppio stadio. I principali utilizzatori sono Italia, Regno Unito  e Grecia, con la denominazione Storm SHadow, la Francia (SCALP-EG) e Emirati Arabi con la denominazione Black Shaheen. Può essere utilizzato sui Panavia Tornado Gr.4 (nel 2003 i Tornado RAF sono stati i primi utilizzatori a livello operativo nella seconda guerra del golfo) Tornado IDS, Mirage 2000, Rafale, Eurofighter e nel futuro è previsto l'utilizzo sui F-35 Lightning II.

Posizione dello Storm Shadow sul pilone subalare / © L. Caliaro
Posizione dello Storm Shadow sul pilone subalare / © L. Caliaro

Lo Storm Shadow è un arma strategica cui i bersagli tipici sono infrastrutture aeroportuali e portuali, posti di comando, ponti, navi, sottomarini attraccati e depositi di munizioni, capace di colpire il bersaglio in profondità a prescindere dalla difesa aerea grazie alle sue caratteristiche "stealth"; il sisitema di guida è il classico "Fire and Forget" un sistema molto sofisticato con sensori GPS e INS e assisitito da un apparato TERPROM  (Terrain Profile Matching) che consente al sistema d'arma di seguire il profilo del terreno. colpisce in completa autonomia grazie alle coordinate impostate prima del lancio senza ulteriori controlli, unico tallone d'Achille è l'impossibilità di effettuare il "Retargeting". La testata tipo Broach a due stadi consente al missile di penetrare il bersaglio con la prima carica cava e successivamente mediante una spolettatura ritardata, il detonatore aziona la carica principale.

Gli Eurofighter Typhoon durante le missioni aria-superficie saranno in grado di trasportarne due, si tratta di una potenza di fuoco non da poco, pur mantenendo la capacità di trasportare otto missili aria-aria. Ciò consentirà al velivolo Typhoon di potersi difendere agevolmente dentro e fuori la zona di combattimento. La gittata dichiarata da MBDA e pari a 250km, anche quest'ultimo aspetto non è da sottovalutare in quanto  pone l'aereo lanciatore al sicuro dalla reazione della difesa contraerea. Nell'attesa che l'F-35 Lightning II entri in azione, in Italia il Typhoon sarà in grado di svolgere le missioni di interdizione dell'ormai pensionabile Tornado.


ARTICOLI CORRELATI

Un nuovo upgrade aerodinamico per l'Eurofighter.
Un nuovo upgrade aerodinamico per l'Eurofighter.
Accordo tra Italia e Kuwait per 28 Eurofighter Typhoon.
Accordo tra Italia e Kuwait per 28 Eurofighter Typhoon.
Eurofighter Typhoon: lo "swing role" lo rende sempre più unico nel suo genere.
Eurofighter Typhoon: lo "swing role" lo rende sempre più unico nel suo genere.
Damocles pod per gli Eurofighter sauditi contro l'ISIS.
Damocles pod per gli Eurofighter sauditi contro l'ISIS.


Autore: Ino Biondo

Fonti: Alenia Aermacchi - MBDA System - Consorzio Eurofighter

Subscribe