F-35 prove di "Dogfight" per la futura integrazione con gli F-22 Raptor dell'USAF

©USAF

Fonti: Aviation Week www.aviationweek.com

Medium.com

Foto: USAF - AeroStoria 

Dopo l'approvazione del bilancio da parte del Senato americano circa gli stanziamenti per la difesa, che ha ridotto il numero di F-22 Raptor destinati all'U.S.A.F. Lo stato maggiore ha deciso che il programma F-35 potrebbe essere di vitale importanza per le sorti degli Squadrons da difesa aerea, al fine di mantenere la loro efficienza operativa. In un comunicato stampa del capo di stato maggiore, il generale Mark Welsh ha dichiarato:"Dal punto di vista operativo dobbiamo farlo; la decisione di troncare l'acquisizione di nuovi F-22, ci ha lasciato in una situazione di deficit per quanto concerne la difesa aerea, per svolgere al meglio tale compito, abbiamo bisogno di integrarli con gli F-35".


Gen. Mark Welsh Photo USAF

L'Air Force ad oggi ha in carico circa 186 F-22 di cui 123 "Combat Coded", all' indomani della cancellazione di ulteriori macchine, gli analisti sono stati costretti a modificare la strategia e puntare sui nuovi F-35 Lightning II. Ma un F-35 concepito per essere un aereo d'attacco, può essere un caccia da superiorità aerea? In effetti il Lightning II ha una discreta capacità aria-aria, ma pensata e concepita come autodifesa, il radar AESA AN/APG-81 installato sull'F-35 è di gran lunga superiore al seppur valido AN/APG-77 dell'F-22, ma non di certo in grado di impegnare altri aerei in un combattimento manovrato, o in una tipica missione di difesa dello spazio aereo o superiorità aerea.

Cina e Russia hanno già sviluppato nuovi caccia di "quinta generazione", agili, veloci e manovrabili, con radar potenti e capacità Stealth, che tendenzialmente possono eguagliare l'F-22 Raptor. La Cina ha sviluppato i Chengdu J-20 e Shenyang J-31, le cui  reali capacità, a detta degli analisti, sono ambigue, mentre il Sukhoi T-50 russo tra ritardi e revisioni del programma "PAK FA", lungi dall' avere un assetto definitivo, ha aspettative più concrete.

F-35A

Intanto alla Edwards AFB un gruppo di F-35 del 412nd Test Wing sono stati impegnati in un ciclo di prove per testare le reali capacità del Lightning II di affrontare un combattimento aereo. Lo sfidante d'eccellenza è stato l'F-16 Fighting Falcon, best seller, e caccia polivalente apprezzato da molte aeronautiche del mondo. Secondo il collaudatore della Lookheed Martin David "Doc" Nelson, l'F-35 è dotato di una maggiore stabilità e manovrabilità (i dati precisi sul confronto non sono stati diramati, forse per motivi di sicurezza) rispetto all'F-16, ma non ha la stessa manovrabilità di un F-22. In una missione aria-aria, continua Nelson, l'F-35 potrebbe avere la "Stealthness" che gioca a proprio vantaggio. Secondo i collaudatori del Lightning II altro vantaggio è la capacità del velivolo di eseguire virate ad alto angolo di attacco, tecnica utilizzata dai piloti della Navy con gli F/A-18, che potrebbe sorprendere il nemico regalando un vantaggio non indifferente (naturalmente la tecnologia di "quinta generazione" non è da sottovalutare). 

La partita comunque resta ancora aperta tra i detrattori e i sostenitori del programma F-35 Lightning II, lo sviluppo e i nuovi studi continuano senza sosta, mentre il governo olandese a Washington, ha firmato il contratto con Lookheed Martin per l'acquisizione di primi otto F-35 che dovranno sostituire i loro F-16.