C-130H "Hercules" dell' Armée de l'Air, tra i vari aggiornamenti un sistema di Sagem per trasformarlo in bombardiere

© Armée de l'Air
© Armée de l'Air

Fonti: IHS Jane's 360 - Sagem - Armée de l' Air

Autore: Ino Biondo

Una pietra miliare del trasporto aereo

L' Hercules è senza ombra di dubbio, il più famoso velivolo da trasporto tattico al mondo; un quadrimotore turboelica nato da una specifica sorta dopo l'esperienza maturata dall' US Air Force in Corea nel 1950. Dal suo primo volo avvenuto il 23 agosto del 1954, il Lockheed C-130 ha solcato i cieli di tutto il pianeta, adottato da una quarantina di aeronautiche del mondo, durante la sua carriera ha ricevuto molteplici aggiornamenti per estenderne la vita operativa, ma la sostanza è rimasta la stessa di cinquant'anni fa: versatile, robusto, maneggevole, affidabile. Sono circa 40 le versioni e i modelli sviluppati e attualmente in servizio, in particolare l' US Air Force ne adotta una versione denominata AC-130 Gunship GUARDA IL VIDEO - una cannoniera volante dotata di cannone da 30mm o di obice da 105 a seconda delle versioni. LA Francia attualmente possiede una flotta di 14 C-130 nella versione "H" e "H-30" che si differenziano dai primi soltanto per la fusoliera più allungata per estenderne la capacità di carico. Già dall'anno scorso il ministero della Difesa francese aveva avviato un programma per l'ammodernamento della flotta in servizio, che ormai inizia a risentire l' avanzamento degli anni, l'ammodernamento comprendeva soprattutto l'aggiornamento dei sistemi avionici, e di navigazione e lo studio di sistemi di autoprotezione. Gli update dell' Hercules francese, secondo quanto dichiarato dal ministero francese, potrebbe dare la possibilità di estenderne la vita operativa fino al 2025.

Il nuovo sistema AUF-2 Studiato per i C-130H - © SAGEM
Il nuovo sistema AUF-2 Studiato per i C-130H - © SAGEM

Tra i vari Update che più risultano interessanti, vi è quello proposto da Sagem un'azienda all'avanguardia nel settore High Tech controllata da Safran altro colosso francese del settore. Attualmente non risulta esserci un concreto interesse da parte dello Stato Maggiore, ma il progetto sembra essere veramente interessante, in buona sostanza si tratta di poter armare i C-130H con munizionamento da lancio di precisione, trasformandolo in un vero e proprio bombardiere all'occorrenza.

Il sistema d'arma prescelto è il valido SSA-1101 "Gerfaut" (Armement Air-Sol Modulaire), reso compatibile con i punti d'attacco dei piloni subalari (utilizzati per le taniche) mediante un adattatore derivato dall' AUF-2 "Rafaut", lo stesso usato dai Mirage 2000D, modificato per ospitare 4 bombe per ala. Secondo a quanto dichiarato dalla DGA ( Diretion Génerale de l' Armament) l'installazione del nuovo apparato non è particolarmente invasivo, e non comporta la modifica della cellulla, ciò significa, secondo a quanto dichiara l'organo governativo francese,  la possibilità di avere un sistema d'arma moderno e modulare a costi contenuti.

© SAGEM

La struttura ha una lunghezza di 5,80 m ed è in grado di alloggiare quattro bombe AASM "Hammer" (Armement Air-Sol Modulaire), con piani di coda mobili e propulsione a razzo, alcuni studi aerodinamici condotti nel corso del 2014 hanno dimostrato la piena compatibilità dei cargo francesi al lancio di qualsiasi bomba classe 225 o 250 kg o con le BLU-111  mediante simulazioni al computer. Un C-130 configurato con i Gerfaut potrà trasportare otto bombe per un totale di 2.720 kg di carico bellico. Le potenzialità delle AASM sta senza ombra di dubbio dalla modularità del sistema: 3 versioni di cui una con guida inerziale GPS , una con guida inerziale dual mode GPS/IR e un'ultima versione GPS/Laser. I tecnici di Sagem hanno dichiarato che il raggio d'azione sarebbe garantito in 30 km per un AASM lanciato a 11.000 m di quota ad una velocità di crociera pari a 350 km/h, con un margine di errore di 10 m per la variante dual mode GPS/IR e riducibile fino a meno di un metro grazie al puntatore laser.  Sagem ha già sviluppato l'hardware necessario per gli update dei Mirage F1 del Marocco, che comprendeva le capacità di utilizzare gli AASM, Il loro utilizzo sul C-130 non sarebbe un problema, l'interfaccia del sistema d'arma SSA-1101 può essere facilmente installato nella stiva o nella cabina di pilotaggio dei C-130 con un collegamento diretto alla scheda dell' AUF-2, che è indipendente dall'avionica generale del velivolo, ciò significa che il lavoro di implementazione verrebbe ridotto al minimo mantenendo la capacità cargo dell' Hercules.

Scrivi commento

Commenti: 0