Vola l'H-160 di Airbus Helicopters

H 160 / © Airbus Helicopters
H 160 / © Airbus Helicopters

Airbus Helicopters il 3 marzo ad Heli Expo 2015 ad Orlando in Florida, aveva presentato il nuovissimo H-160, un progetto di elicottero di nuova generazione, con il quale, l'azienda franco- tedesca, intende acquisire importanti quote di mercato ormai totalmente, o quasi, in mano ad Agusta Westland. L'H-160 è una specie di evoluzione del programma X4, una versione più semplificata, che dovrà cogliere l'eredità del AS365 che ha ottenuto ottimi risultati di vendite, quindi il nuovo elicottero di Airbus, si inserisce nel segmento "medio", una porzione di mercato molto difficile, in quanto oggi vede protagonisti veri e propri "cavalli di razza"come l'AW139 di Agusta Westland, il Sikorsky S-79, e il "buon vecchio" Bell 412 che ottiene discreti consensi anche se ormai decisamente datato rispetto la concorrenza.

L'H 160 introduce innovazione e  tecnologie moderne, come la cellula in materiali compositi

Il settore in cui si collocherà l'H160 è quello che offre maggiori spunti sia per quanto concerne il settore commerciale che quello militare: SAR, appoggio alle forze di Polizia, trasporto VIP, eliambulanza; ma in quest'ultimo periodo, nel settore elicotteristico mondiale si è affermato il settore che viene definito "Oil & Gas", cioè supporto logistico alle compagnie petrolifere che operano in zone "off-shore" e che necessitano di mezzi idonei al trasporto ma soprattutto veloci. Ed è proprio in quest'ultimo settore che i progettisti di Airbus Helicopter hanno concentrato il loro lavoro. Secondo i dati rilasciati dall'azienda l'H160 è in grado di trasportare fino a 12 passeggeri su di una piattaforma petrolifera posta fino a 220 km dalla costa, atterrare, far sbarcare i passeggeri e ripartire verso la propria base a terra con il solo combustibile contenuto nei serbatoi standard, il tutto ad una velocità di 300 km/h raggiungendo un peso massimo al decollo compreso tra 5,5 e 6 tonnellate. I pesi decisamente contenuti, sono il risultato di studi e ricerche da parte dei ricercatori di Airbus Helicopters, in ambito dei materiali compositi, la cellulla è interamente in fibra di carbonio, così anche le pale "Blue Edge" che sono costruite in compositi dal disegno detto "hockey-stick" (mazza da hockey) , il cono di coda presenta il sistema anticoppia "fenestron" mentre i piani sono a biplano dal disegno decisamente sofisticato. 

Airbus Helicopter H-160 in dettaglio / © Airbus Helicopters

l'H160 dispone di una coppia di turbine Turbomeca Arrano da 1,100 shp ciascuno. L'adozione di questi propulsori, secondo Airbus, ha contribuito ad abbattere i consumi di carburante, aumentare il range e il payload, abbassando allo stesso tempo l'impatto ambientale.


A pochi giorni dal  roll-out il primo  volo

Ma il fatto più sorprendente è che a pochi giorni dal roll-out avvenuto a fine maggio, il primo esemplare ha effettuato il suo primo volo il 13 giugno, il volo è  durato in tutto 40 minuti, nel corso del quale sono state effettuate manovre basiche, atte a testare il comportamento generale del velivolo . Il collaudatore di Airbus, Oliver Gensse, si è detto soddisfatto del comportamento della macchina, soprattutto per quanto riguarda stabilità, vibrazioni e rumorosità, qualità molto apprezzate nel settore Oil & Gas, come già detto, il biturbina franco-tedesco mira principalmente a questo mercato.

Secondo a quanto dichiarato dai vertici di Airbus Helicopters, l'H160 è all'inizio di una serie di prove caratterizzati da vari "step" fino al raggiungimento delle sue massime prestazioni. Airbus ha bruciato le tappe e il 17 dello stesso mese ha già raggiunto i 240 km/h, Bernard Fujarski capo del programma H160 ha annunciato che l'entrata in servizio dei primi esemplari è prevista entro il 2018, mentre in tutto saranno prodotti tre esemplari completi per le varie prove e altri due per testare i sistemi di bordo, tutto questo sarà eseguito in tempi da record, Airbus Helicopters ha intensione di conquistare una fascia di mercato piena di concorrenti affermati, con determinazione, non possiamo che dargliene atto.


Subscribe

Scrivi commento

Commenti: 0