Il 388th Fighter Wing riceve i primi due F-35A operativi

Lockheed Martin F-35A Lightning II mentre atterra sulla Hill AFB nello Utah / © USAF
Lockheed Martin F-35A Lightning II mentre atterra sulla Hill AFB nello Utah / © USAF

36 anni fa, esattamente il 23 gennaio del 1979 sulla Hill AFB nello Utah,  il 388th Fighter Wing iniziava la conversione operativa dagli F-4 Phantom II ai F-16 Fighting Falcon, diventando il primo Wing ad ottenere la combat readiness sul "Falco combattente" della General Dynamics. Il 2 settembre scorso sempre sulla stessa base e sempre gli uomini del 388th Fighter Wing, aprono un nuovo capitolo della loro storia e di quella dell'USAF, il velivolo è decisamente diverso e si tratta del Lockheed Martin F-35 Lightning II.

Dopo essere stata selezionata nel 2013, la Hill AFB si prepara ad accogliere i primi due esemplari di F-35 operativi dell'Air Force, i due aerei con matricola USAF AF-77 e AF-78 con ai comandi rispettivamente il comandante del 388th FW Col. David Lyons e il Lt.Col Yosef Morris, capo delle operazioni del 34th Fighter Squadron, provengono dagli stabilimenti di produzione di Lockheed di Fort Worth nel Texas, e faranno parte di un gruppo di 70 aerei che andranno ad equipaggiare sia il 388th FW che il 419th della riserva.

I primi due F-35A del 388th FW rullano verso la linea di volo di Hill / © USAF
I primi due F-35A del 388th FW rullano verso la linea di volo di Hill / © USAF

Il reparto sarà impegnato nei prossimi mesi in un ciclo di addestramento atto ad ottenere la piena capacità operativa iniziale di 15 aerei entro il 2016, il gruppo inizierà la conversione il 7 settembre a ritmo serrato. "Non possiamo permetterci di commettere errori, dobbiamo addestrarci per questo"-  ha dichiarato il Col. Lyons durante la conferenza stampa.

2015 Bologna Roma Image Banner 160 x 600

Il Col. Lyons durante la conferenza stampa, alle spalle il Lt.Col. Morris pilota del secondo velivolo. / © USAF
Il Col. Lyons durante la conferenza stampa, alle spalle il Lt.Col. Morris pilota del secondo velivolo. / © USAF

Più di 120 milioni di dollari sono stati stanziati per preparare la base a ricevere gli F-35, mentre Lockheed ha quasi ultimato il set-up dei suoi stabilimenti per ospitare il centro di manutenzione e supporto dei Lightning II delle tre forze aeree degli Stati Uniti, presso la Ogden ALC

Intanto US Air Force, US Navy e Marines i quali hanno ricevuto il mese scorso i loro primi esemplari di F-35B, hanno vagliato la possbilità di emettere il primo ordinativo del cacciabombardiere di "quinta generazione", lo ha dichiarato il portavoce del Pentagono in una conferenza stampa. Il capo dei programmi di acquisizione del Pentagono Frank Kandall, ha confermato che sono state avviate trattative con il Congresso per la sottoscrizione di 450 unità articolato su tre anni, il primo dovrebbe partire entro il 2018, il secondo nel 2019 e il terzo nel 2020. L'ordine secondo Kandall, comprenderà gli esemplari pronti per essere ceduti sotto la formula Foreign Military Sale (FMS) a quelle nazioni che hanno scelto l'F-35 Lightning II ma che non fanno parte della partnership, come Giappone, Israele, Corea del Sud.


Subscribe

ARTICOLI CORRELATI

L'F-35 perde contro l'F-16 in combattimento, ma non è certo nato per il dogfight.
L'F-35 perde contro l'F-16 in combattimento, ma non è certo nato per il dogfight.
La RAF programma l'entrata in linea degli F-35
La RAF programma l'entrata in linea degli F-35
Israele ordina altri F-35 Lightning II
Israele ordina altri F-35 Lightning II
Christine Mau prima donna abilitata sull' F-35.
Christine Mau prima donna abilitata sull' F-35.
F-35 prove di "Dogfight" per la futura integrazione con gli F-22 Raptor dell'USAF.
F-35 prove di "Dogfight" per la futura integrazione con gli F-22 Raptor dell'USAF.