Accordo tra Italia e Kuwait per 28 Eurofighter Typhoon

Rutofighter Typhoon / © Eurofighter Jagdflugzeug GmbH
Rutofighter Typhoon / © Eurofighter Jagdflugzeug GmbH

Un nuovo successo internazionale per il caccia multiruolo europeo Typhoon, dopo l'ordine  del Sultanato dell'Oman per 12 velivoli nel dicembre del 2012 un altra nazione non facente parte del consorzio Eurofighter, punta su uno dei migliori caccia di quarta generazione e mezza in circolazione. Stavolta la trattativa è guidata da Alenia Aermacchi, azienda controllata Finmeccanica e facente parte del consorzio europeo che produce il caccia.

Si tratta di un successo dovuto allo sforzo dell'azienda italiana, che senza ombra di dubbio, dopo i buoni risultati ottenuti dal rivale "Rafale" nelle regioni mediorientali, offre nuove opportunità di affermazione dell Typhoon nella regione del Golfo, in particolare con il Regno di Arabia Saudita e il sultanato di Oman che hanno già ordinato l'aereo, e il Regno del Bahrain altro potenziale cliente. Con il Kuwait, l'Eurofighter Typhoon conferma il suo ruolo come il più grande programma di collaborazione militare d'Europa. Questo nuovo accordo secondo l'amministratore delegato di Eurofighter, Alberto Gutierrez, è la conferma della superiorità del Eurofighter rispetto ai suoi concorrenti, offrendo nuovissime opportunità per ulteriori ordini del velivolo.

Secondo alcune fonti l'ordine prevede l'acquisto di 22 monoposto e sei biposto nella versione più aggiornata del Typhoon con il nuovo radar AESA di Selex ES altra azienda controllata da Finmeccanica, in buona sostanza è la "conferma" di una precedente trattativa avviata con BAE System non andata a buon fine, risalente a metà del 2014,  si era arrivati ad una bozza di intesa (non vincolante) con l'emirato del Kuwait per la fornitura di 28 caccia, ma alla fine non se ne fece nulla, e l'emirato optò per il Boeing F/A-18 (E-F) "Super Hornet" . 

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!

Eurofighter Typhoon del 36° Stormo - Aeronautica Militare / © Eurofighter Jagdflugzeug GmbH
Eurofighter Typhoon del 36° Stormo - Aeronautica Militare / © Eurofighter Jagdflugzeug GmbH

Dall' entrata in servizio del primo Eurofighter Typhoon, alla fine del 2003, 444 velivoli sono stati consegnati a sei nazioni: Germania, Regno Unito, Italia, Spagna, Austria e Arabia Saudita. Nel mese di dicembre 2012, l'Oman è diventato il settimo cliente e ha ordinato un totale di dodici velivoli. L'Eurofighter Typhoon è attualmente in servizio presso 22 unità operative e fino ad oggi, l'intera flotta ha completato più di 300.000 ore di volo in tutto il mondo. Più di 400 aziende sono coinvolte nel consorzio Eurofighter, l'ordine del Kuwait contribuirà a consolidare un industria che consiste in più di 100.000 posti di lavoro.


Fonti: Eurofighter Jagdflugzeug GmbH - Alenia Aermacchi - Selex ES

Autore: Ino Biondo - inobiondo36@gmail.com - @bioino(Twitter)

Subscribe

ARTICOLI CORRELATI

Eurofighter Typhoon: lo "swing role" lo rende sempre più unico nel suo genere.
Eurofighter Typhoon: lo "swing role" lo rende sempre più unico nel suo genere.
Damocles pod per gli Eurofighter sauditi contro l'ISIS.
Damocles pod per gli Eurofighter sauditi contro l'ISIS.
Baltic Air Policing: l'Aeronautica Militare inizia il secondo ciclo di operazioni.
Baltic Air Policing: l'Aeronautica Militare inizia il secondo ciclo di operazioni.
Eurofighter Typhoon sempre più versatile con il nuovo radar Captor E-Scan.
Eurofighter Typhoon sempre più versatile con il nuovo radar Captor E-Scan.



Scrivi commento

Commenti: 0