Chiedere il supporto aereo di un A-10 con un Tablet Android

la tecnologia che utilizziamo giornalmente, per telefonare, navigare sul web, spostarci grazie ai GPS, come sappiamo, è stata sviluppata per scopi militari, con piccoli tocchi di uno smartphone o di un tablet possiamo entrare in un mondo senza confini, questo ha proiettato l'umanità intera verso l'era digitale, dove tutto è a portata di mano, ma soprattutto "raggiungibile", stavolta però è una tecnologia studiata per la vita di tutti i giorni e per l'entertainment  che ha trovato applicazioni in ambito militare, come se ormai l'immaginazione sia il vero limite di un mondo dove tutto può essere possibile.

JTAC (Joint Terminal Attack Controller) - controllori dell'attacco aereo dell' US. Army in azione
JTAC (Joint Terminal Attack Controller) - controllori dell'attacco aereo dell' US. Army in azione

Una di queste possibilità è data dalla DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) un'agenzia governativa americana alle dipendenze del dipartimento della difesa, incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare, che ha sperimentato un nuovo software capace di interagire con mezzi sia aerei che di terra mediante un device Android touch screen, Il sistema denominato PCAS (Persistent Close Air Support) che tradotto significa supporto aereo ravvicinato continuo. Per mantenere un vantaggio tattico decisivo, gli aerei per missioni CAS (Close Air Support) devono essere in grado di colpire bersagli a terra rapidamente su richiesta di truppe a terra (JTAC), naturalmente sia i piloti che gli operatori a terra possono concentrarsi su un singolo bersaglio alla volta, e indicare i bersagli da colpire mediante coordinate dettate dal personale sul campo o calcolate su mappe cartacee, calcoli che spesso risultano approssimativi o non precisi specie contro bersagli in movimento, i tempi di reazione dipendono sempre dalla distanza del bersaglio, e bisogna tener conto della possibilità che nell'intervallo di tempo tra la chiamata e l'arrivo degli aerei sull'obiettivo, ci sia il rischio che le truppe, possano essere attaccate prima dell'arrivo del supporto, o ancor peggio cadere vittime di fuoco amico.

DARPA ha voluto colmare queste mancanze con il PCAS, che mira ad aumentare l'efficacia delle missioni CAS mediante un'interazione più veloce e diretta tra JTAC e piloti in modo da condividere in tempo reale moltissime informazioni, aumentando la consapevolezza della situazione sul campo di battaglia. I JTAC mediante questo sistema sono in grado di identificare contemporaneamente più bersagli sia fissi che in movimento e scegliere l'arma più idonea per la neutralizzazione dell'obiettivo, tutto questo con semplici "clic" su un tablet appositamente configurato. Il Pentagono ha annunciato che è stato effettuato il primo esperimento a giugno ma la notizia è stata diramata soltanto qualche giorno fa. Si tratta di un sistema che senza ombra di dubbio rivoluzionerà il settore delle comunicazioni in ambito militare.


A-10 Thunderbolt II / © USAF
A-10 Thunderbolt II / © USAF
 MV-22 OSPREY / © USMC
MV-22 OSPREY / © USMC

Per condurre tale esperimento è stato adoperato quello che a tutt'oggi viene considerato il migliore in assoluto nelle missioni CAS, l'A-10 Thunderbolt II detto "Warthog", la nuova tecnologia PCAS è stata installata su di un esemplare che decollando dalla Nellis AFB, Nevada, ha compiuto una serie di attacchi contro bersagli di terra con successo, utilizzando bombe GPS e guida laser, mentre secondo a quanto dichiarato dal Pentagono il sitema è stato testato anche su di un MV-22 Osprey dei Marines. Il sistema si compone di due software uno installato su un designatore di terra chiamato in gergo PCAS-Ground ma si tratta dell' Android Tactical Assault Kit sviluppato dai tecnici DARPA, l'altro è il PCAS-Air, un sistema di puntamento automatico installato sull'aeromobile.

Dan Pratt responsabile del programma PCAS, ha confermato che sono state effettuate ben 50 sortite tutte andate a buon fine, Tramite questo sistema plug-and-play il nuovo ruolo del JTAC è quello di comunicare mediante PCAS-Ground con l'ausilio di un tablet, informazioni, coordinate, bersagli e altre importanti notizie al PCAS-Air il quale si predisporrà per l'attacco con precisione e velocemente. I nuovi sistemi sono stati sviluppati grazie ad una sinergia tra Northrop Grumman Electronics Systems, l'Air Force Research Laboratory e il SOCOM (Special Operation Command) , Pratt ha dichiarato che un ulteriore sviluppo dei sistemi sono in fase di studio e non si esclude la possibilità che possano essere installati su velivoli senza pilota.


Subscribe