Il Venezuela ordina altri Sukhoi Su-30MKV, ed elicotteri Mi-35M, dalla Russia.

Sukhoi Su-30MK(V) dell' Aviación Militar Venezolana / © Enver Cuervos
Sukhoi Su-30MK(V) dell' Aviación Militar Venezolana / © Enver Cuervos

Il presidente venezuelano Nocolas Maduro in una conferenza stampa ha annunciato l'intenzione di acquisire ulteriori caccia multiruolo Su-30MKV ed altro materiale dalla Russia, il governo prevede anche di firmare un contratto con la Cina per la consegna di materiale militare, di quale natura sia l'ordine cinese non è stato specificato, ma secondo Maduro l'apparecchiatura, sarà utilizzata per combattere il traffico di droga, in particolare dalla Colombia, mentre resta confermato l'ordine di elicotteri Mil Mi-35M2 (la versione più aggiornata dell'elicottero d'attacco russo) per l'esercito.

Russia e Venezuela collaborano nell'ambito tecnico-militare in virtù di un accordo intergovernativo siglato nel 2001, durante una visita di Hugo Chavez a Mosca. I primi accordi per la cooperazione tecnico- militare tra il ministero della difesa Venezuelano e la Russia iniziarono nel 2005 tramite la società statale russa Rosoboronexport, unica agenzia intermediaria statale russa, responsabile del mercato import/export dei prodotti dual-use, delle tecnologie e dei servizi per la difesa. Il paese latinoamericano conserva, attualmente, il primato di importatore di armi di fabbricazione russa, nell'aprile 2006, la Russia ha iniziato a fornire a Caracas elicotteri russi Mi-26, Mi-35 e Mi-17. In totale, il Venezuela ha ricevuto 53 macchine tra il 2006 e il 2009. Nel 2008 Rosoboronexport ha consegnato 24 caccia Sukhoi Su-30MK2 (V) per un valore di 1.500 milioni di dollari, e sistemi di difesa antiaerea Tor-M1 del valore di 290 milioni dollari.


Quest'ultimo ordine prevede l'acquisto di 12 Su-30MK2, mentre resta imprecisato il numero di ulteriori elicotteri che il successore di Hugo Chavez ha intenzione di acquisire, l'ordine dei multiruolo è comunque confermato e verrà formalizzato nell'ambito di una serie di incontri organizzati con il governo di Mosca, per discutere anche della situazione del mercato mondiale del petrolio. L’obiettivo di questi summit varia dallo sfruttamento della principale risorsa energetica del Venezuela, il petrolio (Faja Petrolifera del Orinoco ), alla creazione di un complesso aeronautico (51% capitale venezuelano e 49% russo) per rinnovare il parco aerei del Venezuelane e altri paesi dell’America Latina, allo sviluppo di progetti industriali, tra cui uno studio per la costruzione della prima centrale atomica in Venezuela .


ARTICOLI CORRELATI

La Russia introdurrà in servizio i Su-35S per la VVS.
La Russia introdurrà in servizio i Su-35S per la VVS.
Cina: trattativa per l'acquisto di 24 Sukhoi Su-35.
Cina: trattativa per l'acquisto di 24 Sukhoi Su-35.
Russia e Cina una joint venture per il sostituto del Mi-26 "Halo".
Russia e Cina una joint venture per il sostituto del Mi-26 "Halo".


Subscribe
comments powered by Disqus