"Skyhawk" addio! Israele radia l'intera flotta di A-4 "Ayit" il protagonista dello Yom Kippur.

McDonnell Douglas A-4N Skyhawk (A-4 "Ayit") Heyl Ha'Avir / (Foto: Jan Kalina)
McDonnell Douglas A-4N Skyhawk (A-4 "Ayit") Heyl Ha'Avir / (Foto: Jan Kalina)

Il 3 dicembre si è conclusa una storia lunga 48 anni, una cerimonia solenne ha dato l'ultimo saluto ad un grande "piccolo" guerriero: Il McDonnell Douglas A-4 "Ayit" (secondo la denominazione israeliana) è stato definitivamente ritirato dal servizio. Era il dicembre del 1967 quando sulla base di Haifa (AFB 21) i primi quattro esemplari furono consegnati alla Heyl Ha'Avir e presi in carico dal 102° Squadron "Flying Tiger" e dal 109° Squadron "Valley" per un totale di 236 esemplari in tutto.

Il 6 ottobre del 1973 un attacco congiunto di forze siriane ed egiziane colse di sorpresa l'Esercito israeliano, l'aspetto più rilevante fu il "blitz" egiziano attraverso il canale di Suez e contro le fortificazioni della linea Bar-Lev. Quel giorno era il Giorno del Ringraziamento per tale motivo il conflitto arabo-israeliano venne chiamato dello "Yom Kippur" - "La guerra del giorno del perdono".

Durante il conflitto la HHA impiegava sei Squadron di A-4 (soprattutto A-4H) subendo grosse perdite, furono registrate ben 53 abbattimenti 49 dei quali a causa della contraerea, venne completamente danneggiata più della metà dell'intera linea di Ayit, durante il corso delle operazioni comunque il governo statunitense riuscì a rifocillare la forza d'attacco fornendo nuovi esemplari in modo da mantenere le forze israeliane sempre allo stesso livello nonostante le perdite, più o meno la stessa cosa fecero i russi con i MiG egiziani e siriani.

Il primo ordine di A-4 prevedeva la fornitura di un lotto iniziale di 48 velivoli nella versione A-4H e due biposto TA-4H seguiti qualche mese dopo dalla consegna di ulteriori 42 velivoli monoposto e otto biposto, successivamente direttamente dalle riserve US Navy giunsero 60 esemplari tra A-4E e A-4F e 17 A-4J questi furono gli esemplari che andarono a rimpiazzare le perdite durante i combattimenti del Kippur.


La differenza tra gli "Skyhawk" americani e quelli israeliani era sostanziale: tra gli ultimi upgrade che furono effettuati vi fu la sostituzione dei cannoni che dai classici Colt Mk.12 da 20 mm, cannibalizzando quelli in dotazione ai vecchi Mirage III, vennero sostituiti dai DEFA da 30 mm.

I 30 A-4 rimasti in servizio in seno alla IAF, comunque, non erano più impiegati per l'appoggio tattico, ormai una tipologia di missione che è appannaggio degli F-16, ma servivano per l'addestramento dei piloti destinati alla linea caccia, ma dopo l'acquisizione degli Alenia Aermacchi M-346 "Master" denominati "Lavi", anche per questo tipo di missioni l'A-4 dovette cedere il posto al ben più tecnologico addestratore italiano.

Dopo la radiazione anche degli esemplari della Republic Of Singapore Air Force, che come Israele ha scelto l'M-346, oggi rimangono ancora in servizio quelli della Força Aeronaval brasiliana anche se in numero esiguo (due AF-1 - A-4KU e un AF-1A -TA-4KU acquistati dal Kuwait) e una trentina di Lockheed Martin A-4AR Fightinghawk  sviluppato su richiesta dell'aeronautica argentina. Tuttavia per le sue indubbie doti di solidità e affidabilità, oggi alcune compagnie private specializzate in servizi di addestramento li usano come "aggressor".


Articoli correlati

Israele ordina altri F-35 Lightning II.
Israele ordina altri F-35 Lightning II.
Israele: upgrade per F-15 "Ra'am"ed F-16 "Soufa".
Israele: upgrade per F-15 "Ra'am"ed F-16 "Soufa".
M-346 "Lavi" operativo il primo T.Squadron della Heyl Ha'Avir.
M-346 "Lavi" operativo il primo T.Squadron della Heyl Ha'Avir.
IAI "Kfir" per l'Argentina, la Fuerza Aérea valuta la versione Block 60 del multiruolo israeliano.
IAI "Kfir" per l'Argentina, la Fuerza Aérea valuta la versione Block 60 del multiruolo israeliano.


Il tuo parere è importante dicci che ne pensi