Sono Marines i primi piloti "combat ready" sugli F-35.

Il VMFA-121 "Green Knight" è il primo reparto al mondo ad essere certificato "Combat Ready" sui cacciabombardieri di quinta generazione F-35B Lightning II 


Condividi


In una zona desertica dell'Arizona, posizionata a sud-ovest al confine con il Messico è ubicata la più importante stazione aerea della Marine Corps Aviation -(Aviazione del Corpo dei Marines) la MCAS Yuma, sede del VMFA-121 "Green Knight" il primo reparto al mondo, che questo mese, ha raggiunto un altro importantissimo traguardo per l'F-35 Lightning II.

Lokheed Martin F-35B Lightning II del VMFA-121. (Foto: US Marines Corps)
Lokheed Martin F-35B Lightning II del VMFA-121. (Foto: US Marines Corps)

La storia recente di questo reparto è piena di importantissimi traguardi: nel luglio del 2015 ottenne la IOC - Initial Operational Capability (lo status di prontezza all'impiego operativo) basti pensare che pochi mesi prima della transizione l'allora VMFA(AW)-121 (denominazione usata prima dell'attuale cavalcatura dove AW sta per All Weather "ognitempo") era dotato di F/A-18D biposto versione ognitemo d'attacco degli Hornet "legacy".

Tutti i piloti sono stati addestrati presso il VMFAT-501 "Warlords" unità addestrativa dei Marines che ha il compito non solo di formare i piloti ma anche il personale addetto alla manutenzione della linea F-35B (esemplare VSTOL del Lightning II).

Il Marine Fighter Attack Training Squadron 501 è composto da istruttori scelti tra i migliori piloti della linea F/A-18, AV-8B e EA-6B, professionisti con una consolidata esperienza di combattimento, questi veterani avranno il compito di addestrare i futuri piloti del cacciabombardiere di quinta generazione.

Clicca le immagini per ingrandire

L'addestramento dei piloti di F-35B, sin dall'inizio è focalizzato al raggiungimento di un alto standard operativo, sulla base di Yuma grazie alla possibilità di usufruire dei vastissimi poligoni aria-suolo, i piloti in addestramento e gli specialisti devono dimostrare di essere capaci di assolvere a cinque principali aree di missioni:

  1. Close Air Support (Supporto aereo ravvicinato) dove sono state impiegate munizioni reali da 500 libbre GBU-12 "paveway" II a guida laser e da 1000 libbre GBU-32 JDAM a guida GPS, caricate nella stiva interna dell'aereo (e quì entravano di scena gli specialisti a terra);
  2. Air Interdiction;
  3. Ricognizione armata;
  4. DCA (Densive Counter Air) - Tutte le misure difensive volte a rilevare, identificare , intercettare e distruggere o neutralizzare le forze nemiche che tentano di attaccare o penetrare dentro le linee amiche;
  5. OCA (Offensive Counter Air).

In ognuna di queste missioni i piloti volavano in presenza di minacce sia aria-aria che aria-terra gli "Aggressor" del VMFT-401 "Snipers" su Northrop F-5 Tiger hanno simulato gli "agguerriti" aerei nemici.

Tutti i piloti in addestramento che hanno raggiunto la "combat readiness" comunque saranno pronti per un rischieramento nel gennaio 2017, si prevede infatti che 16 F-35B del VMFA-121 saranno basati in Giappone sulla MCAS Iwakumi.


Brussel Airlines



F-35 Yuma Air Show


Africa banner 300x300


  I più letti

articoli correlati

F-35 USAF debutteranno in un combattimento simulato durante la "Green Flag" di Nellis.
F-35 USAF debutteranno in un combattimento simulato durante la "Green Flag" di Nellis.
Christine Mau prima donna abilitata sull' F-35.
Christine Mau prima donna abilitata sull' F-35.
La RAF programma l'entrata in linea degli F-35B.
La RAF programma l'entrata in linea degli F-35B.
L'F-35 perde contro l'F-16 in combattimento, ma non è certo nato per il dogfight.
L'F-35 perde contro l'F-16 in combattimento, ma non è certo nato per il dogfight.