Super Etendard ultima missione, radiati i cacciabombardieri imbarcati francesi.

Una data significativa quella del 16 marzo 2016 nella storia dell'Aéronatique Navale, per l'ultima volta i piloti hanno potuto volare a bordo di un "SEM" Super Etendard Modernisé, ultima versione del cacciabombaridere imbarcato francese.



Un aereo che per oltre quarant'anni ha saputo rappresentare la componente specializzata da appoggio tattico dei gruppi aerei imbarcati della Marina francese, operando dalla portaerei nucleare Charles de Gaule, i "SEM" (acronimo di Super Etendard Modernisé) hanno combattuto in tutti i maggiori conflitti che hanno coinvolto la Francia negli ultimi anni, dal Libano alla Bosnia, dalla Libia all'Afghanistan.

Scartato a favore del Fiat G-91del grande Giuseppe Gabrielli durante il concorso NATO LWSF (Light-Weith Strike-Fighter) per un caccia d'attacco leggero NATO, gli uomini della Dassault non si diedero per vinti e credendo fortemente nel potenziale della macchina crearono il prototipo dell' "Etendard IV", che catturò l'interesse dell'Aéronavale ordinandone 90 esemplari nelle varie versioni (69 IVM "Marine" e 21 IVP Fotoricognitori) .

Galleria immagini 

Partito come caccia capace di Mach 1,3 L'Etendard non è mai stato spinto fino all'estremo dai suoi utilizzatori, già negli anni sessanta si era tentato di sostituirli con velivoli del calibro del A-7 Corsair II o gli A-4 Skyhawk, alla fine la scelta cadde sull'F-8 Crusader (altro importantissimo aereo per la Aéronaval) ciononostante il 17 gennaio 1973 venne scelta stavolta un evoluzione del precedente velivolo denominata "Super Etendard", quest'ultimo era equipaggiato con un motore "Atar" 08K50 da 500 Kg/s molto più potente del precedente "Atar" 08B da 4.400 Kg/s ma sempre privo di postbruciatore. 

ULTIMA MISSIONE

SEM in livrea grigia in appontaggio sulla Charles de Gaulle / © Marine Nationale
SEM in livrea grigia in appontaggio sulla Charles de Gaulle / © Marine Nationale

I SEM si sono distinti sul campo in questi ultimi mesi sempre a bordo della de Gaulle, sul Mediterraneo meridionale, assieme agli eredi "Rafale-M", sono state condotte 360 missioni per oltre 80 attacchi contro l'ISIS in Siria e in Iraq.

prima del rientro a Tolone dove a luglio si terrà la cerimonia ufficiale di radiazione, sono stati impegnati in un esercitazione congiunta franco-egiziana denominata "Ramses", quindi a conti fatti l'ultimo decollo da una catapulta dei Super Etendard e avvenuta a largo di Tolone, attualmente tutti gli esemplari sono stati messi a terra e gli equipaggi pronti a cambiare "cavalcatura" ultimando l'addestramento sul Rafale-M. 

Rimangono operativi gli esemplari argentini dell'Armada che al momento non ha intenzione di rinunciare ai suoi ultimi dieci esemplari tanto da avanzare una proposta di acquisto degli esemplari francesi efficienti, portando la sua flotta a 50 esemplari entro la fine del 2017.


BS_13_IT_300x250.gif

Segui AeroStoria su Facebook




Articoli correlati

Francia: stanziati maggiori fondi per la difesa, nuovi "Rafale" per la Marine e Armée de l'Air.
Francia: stanziati maggiori fondi per la difesa, nuovi "Rafale" per la Marine e Armée de l'Air.
Dassault Rafale lancia il primo Meteor.
Dassault Rafale lancia il primo Meteor.


comments powered by Disqus

Trending News