Un nuovo missile aria-aria per l'US Air Force.

Gli USA cercano di recuperare il "gap" scientifico e tecnico nel campo dei missili per autodifesa dei caccia e degli aerei da attacco, settore dove Cina e Russia hanno saputo investire di più e meglio.


Condividi


Lockheed MartinBoeing e Raytheon hanno ricevuto da parte del centro di ricerca dell'USAF un piano triennale di finanziamento per lo sviluppo di un missile aria-aria per autodifesa destinato alla linea di quinta generazione, tale piano, secondo a quanto riportato dall'USAF, si aggira attorno ai 14 milioni di dollari.

In particolare, il contratto prevede due linee di lavoro di ricerca e sviluppo per lo studio di un missile denominato SACM - Small Advanced Capability Missile - la cui peculiarità basilare è la compatezza.

Lokheed Martin, comunque, aveva già sulla carta preparato una soluzione adatta alla specifica dell'USAF, elaborando un nuovissimo sistema di nuova concezione, denominato MSDM - Miniature Self Defense Munition -  lunga circa la metà degli attuali 3,70 m dell'AIM-120D "Slammer" prodotto da Raytheon:

Il nuovo missile aria-aria proposto da Lokheed Martin paragonato ad un AIM-120.
Il nuovo missile aria-aria proposto da Lokheed Martin paragonato ad un AIM-120.

Essendo la produttrice delle due piattaforme di quinta generazione attualmente in linea in seno all'Air Force, Lokheed Martin si è concentrata soprattutto sulla compattezza dell'arma, in modo da conferire alla stessa la capacità di essere alloggiata facilmente sulle stive interne sia dell'F-22 Raptor che dell'F-35 Lightning II.

Resta il fatto che comunque l'AIM-120D è un missile a medio/lungo raggio, mentre MSDM a corto raggio, ma con la possibilità di neutralizzare missili aria-aria a lungo raggio in avvicinamento come ad esempio i Vympel russi o i PL-12 cinesi.

F-22 Raptor e F-35 Lightning II (elaborazione aerostoria.it)
F-22 Raptor e F-35 Lightning II (elaborazione aerostoria.it)

Il concetto di SACM sta proprio sull'alta possibilità di munizionamento, i pesi ridotti e la compattezza conferiranno maggiore possibilità di carico bellico, attualmente per esempio L'F-35 è progettato per trasportare due missili AIM-9X esternamente e quattro AIM-120 nella stiva armi interna, secondo i vertici di Lokheed Martin, il missile non sarà neanche dotato di testata bellica ma bensì funzionerà con la sola forza cinetica che si genera durante l'impatto.

Per quanto concerne il sistema di guida l'arma potrà adottare sistemi a radar attiva, elettro-ottica, infrarossi o combinazioni di queste, per adesso tutto è al vaglio dei tecnici delle aziende coinvolte nel programmma.


Hotels.com_300x250_IT- sales

Trovaci sui Social






Articoli correlati