"Pantere", "Diavoli" e "Paperi": Ghedi, casa dei Tornado.


Il 27 settembre 2016 dalla base di Ghedi (Brescia) sede del 6° Stormo, si sono alzati in volo i primi Tornado ECR del 155° Gruppo "Pantere Nere" appena trasferiti dal 50° Stormo ormai sciolto, una data storica sia per  gli equipaggi di Tornado che per l'Aeronautica Militare.



Il 14 settembre 2016 veniva collocato in posizione quadro il 50° Stormo di San Damiano (Piacenza) le "Pantere Nere" del 155° Gruppo con i loro Panavia Tornado ECR, entravano a far parte del 6° Stormo di Ghedi (Brescia), un'evento storico sia per il "Sesto" che per l'Aeronautica Militare: Ghedi ospiterà tutte le capacità di attacco dei Tornado.

Secondo a quanto stabilito sin dall'entrata in servizio nell'AMI, i Tornado verranno radiati nel 2025, idem dicasi per gli AMX che di contro saranno radiati in funzione dell'entrata in servizio del Lockheed Martin F-35 Lightning II. Le due componenti d'attacco ossia quella leggera e supporto tattico rappresentata dai "Ghibli" e quella più "pesante" rappresentata dai Tornado ECR/IDS verranno a loro volta (in attesa della piena operatività dell'F-35) "rimpiazzate" dall'Eurofighter Typhoon che sta acquisendo capacità aria-superficie.

AMX "Ghibli" del 51° Stormo anche  il piccolo cacciabombardiere dovrà cedere il passo all'F-35.
AMX "Ghibli" del 51° Stormo anche il piccolo cacciabombardiere dovrà cedere il passo all'F-35.

Secondo a quanto previsto, quindi, la nostra Aeronautica nel prossimo futuro, per quanto concerne la linea caccia, verrà composta da F-35 e Eurofighter che rispettivamente avranno il compito di attacco e difesa.

▶ Il Nuovo 6° Stormo "Diavoli Rossi".

Anche in seno al 6° Stormo sono avvenuti cambiamenti radicali: il 15 settembre veniva sciolto il 156° Gruppo CBOC "Linci" altro gruppo storico della forza armata, quindi in buona sostanza lo Stormo intitolato alla MOVM Alfredo Fusco conterà su tre gruppi volo di cui uno OCU:

  • 154° Gruppo "Diavoli Rossi" CBO-CRO (Cacciabombardieri Ognitempo Convenzionali - Caccia Ricognitori Ognitempo) muniti di Tornado IDS;
  • 155° Gruppo "Pantere Nere" SEAD-ETS (Suppression of Enemy Air Defence - Electronic Attack) muniti di Tornado ECR;
  • 102 Gruppo "I Paperi" OCU - CBOC (Operational Conversion Unit - Caccia Bombardieri Ognitempo Convenzionali) muniti di Tornado IDS "Dual Control" a doppi comandi.
La caratteristica "Bocca di squalo" dei Tornado del 50° Stormo verrà mantenuta.
La caratteristica "Bocca di squalo" dei Tornado del 50° Stormo verrà mantenuta.

I "Diavoli Rossi" quindi avranno come vocazione primaria l'interdizione e la ricognizione, le "Pantere Nere" il disturbo e la distruzione dei Radar nemici, i "Paperi" si occuperanno dell'abilitazione operativa degli equipaggi destinati ai Tornado.

La soppressione di un gruppo così importante e la scelta di raggruppare tutti i Tornado in un unica sede rappresenta un momento importante per la carriera di questo velivolo che per oltre 30 anni ha solcato sia i cieli italiani che quelli esteri in varie missioni.

Il Tornado ufficialmente denominato dall'AMI A-200, è rientrato in quella che viene definita in economia "riduzione delle spese di gestione" o "razionalizzazione delle risorse", la riduzione di numeri di esemplari in servizio - oggi ne rimangono in linea una cinquantina nella versione IDS e poco più di una dozzina di ECR, per non parlare dei "Dual Control" che si attestano attorno ad una decina  -  l'obsolescenza dei velivoli stessi che ridurrà ulteriormente gli esemplari al massimo della piena operatività, sono circostanze con le quali l'Aeronautica Militare doveva "fare i conti", da quì la decisione di raggruppare le restanti macchine a Ghedi, con indubbi vantaggi logistici.

Bisogna ammettere che i Tornado hanno avuto una carriera brillante e soprattutto hanno rappresentato la professionalità dei nostri piloti nel mondo in maniera ineccepibile, anche se all'epoca della Guerra fredda avevano il compito di penetrare le difese del Patto di Varsavia ed attaccare i loro obiettivi più sensibili, si sono comportati egregiamente in scenari difficili ed impegnativi come quello del deserto arabico o i Balcani.

Oggi gli scenari sia strategici che geopolitici sono profondamente mutati, le nuove capacità acquisite grazie allo sviluppo di armamenti "stand-off" e bombe a guida multipla ad altissima precisione hanno reso questa tipologia di velivolo ormai obsoleta, la sostituzione di queste macchine è già stata decisa con l'entrata in linea di velivoli "swing role" come l'eurofighter Typhoon e l'F-35 Lightning II quest'ultimo con una vocazione più di attacco, ma resta il fatto che per paradosso, i Tornado hanno una capacità di carico maggiore rispetto i suoi successori e ancor di più rispetto al suo più diretto successore: l'F-35 può caricare un massimo di 8,14 t con carichi esterni e rinunciando alla "stealthness", i Tornado possono svolgere missioni d'attacco caricando 9,5 tonnellate di bombe con un raggio d'azione abbastanza consistente grazie al rifornimento in volo.

I tornado ECR invece, grazie agli upgrade culminati con la Major Engineering Task 27 (MET.27), continueranno ad essere tra i migliori aerei al mondo in grado di svolgere missioni di guerra elettronica, il 155° gruppo ha svolto tali missioni durante "Allied Force" in Kosovo, le "Pantere" precedevano gli aerei d'attacco creando un corridoio sicuro localizzando e distruggendo i radar da scoperta e direzione del tiro delle batterie missilistiche e artiglieria, agevolando la penetrazione degli aerei d'attacco, missioni per le quali i nostri piloti si sono fatti apprezzare in ambito internazionale, ciò, comunque, è dovuto anche ad una macchina eccezionale, il Tornado. 


SEGUI AeroStoria


Pubblicità


ARTICOLI CORRELATI


POTREBBE INTERESSARTI


Pubblicità


Autore: Ino Biondo - inobiondo36@gmail.com

Fonti: Aeronautica Militare - Panavia

Condividi Post


Commenti


Trending News