· 

Israele ritira tutti gli F-16 "Netz", verranno sostituiti dagli M-346.

F-16A-05-CF Netz / © José Luis Celada Euba .
F-16A-05-CF Netz / © José Luis Celada Euba .

Ormai utilizzati soltanto per scopi addestrativi, gli F-16A/B "Netz" (falco), ossia la prima versione degli F-16 ricevuti dalla HHA, saranno sostituiti dai più moderni M-346, molto più adatti all'addestramento dei piloti da caccia.


di AeroStoria NEWS

Fonti: Israeli Air Force - Lockheed Martin




Dopo essere stati soppiantati dagli F-16I "Sufa" (tempesta) nel ruolo di attacco, anche il ruolo di addestratori della linea da caccia per il comando della Heyl Ha' Avir è diventato ormai superfluo, soprattutto dopo l'entrata in servizio dei modernissimi Leonardo M-346 "Lavi" secondo la denominazione della HHA.

L'ultimo di 90 "Netz" corrispondenti alla versione F-16A e B "Fighting Falcon, è stato definitavmente messo a terra il 26 dicembre, a dieci giorni dall'arrivo del primo F-35A "Ha-Adir" (il grande), resteranno ancora in servizio i "Barak" e i "Sufa".

Gli F-16 rimasti in servizio

(Foto: Israeli Air Force official site)
(Foto: Israeli Air Force official site)

F-16 "Barak" (lampo) e "Barak II" versione corrispondente agli F-16C/D Block 30/40 con una suite avionica di concezione completamente nazionale, motore General Electric F110-GE-100.

(Foto: Israeli Air Force official site)
(Foto: Israeli Air Force official site)

F-16D "Barkeet" con la caratteristica carenatura dorsale contenente le apparecchiature elettroniche. Tendenzialmente un aereo specializzato in missioni SEAD e EW.

(Foto: Israeli Air Force official site)
(Foto: Israeli Air Force official site)

F-16I "Soufa" (tempesta) una "super evoluzione" delle precedenti versioni, discende dai  Block 50/52 degli F-16C/D, con apparati avionici di concezione nazionale e modifiche varie, tanto da esser quasi considerato un aereo completamente differente rispetto ai suoi "omologhi".

Il primo utente internazionale degli F-16 doveva essere l'Iran, ma dopo il rovesciamento dello Scià e l'instaurazione di un governo fondamentalista islamico guidato da Khomeyni, circa 75 di questi aerei vennero versati alla HHA a partire dal 1980. un anno dopo il 7 giugno 1981 ottennero il battesimo del fuoco grazie alla fenomenale operazione che portò alla distruzione della centrale nucleare irachena di Osirak, vicino Baghdad, da parte di otto F-16 "Netz" scortati da sei F-15.

Ma a partire dall'anno successivo, i Netz ebbero numerosi scontri con i caccia siriani, così come nel 2006 in Libano, e sulla striscia di Gaza nel 2008.

Tutti questi F-16 erano parte del programma "Peace Marble I" il primo di cinque tranche di un piano americano che stabiliva la fornitura di aiuti militari.

M-346 "Lavi" (Foto: Israeli Air Force)
M-346 "Lavi" (Foto: Israeli Air Force)

Si tratta di un vero e proprio ritiro di un guerriero, dopo una lunga e sensazionale carriera, "relegato" a compiti addestrativi, dopo aver totalizzato 335.000 ore di volo e ben oltre 400.000 missioni operative, in quest'ultimo compito sarà l'addestratore italiano a raccoglierne l'eredità.


AeroStoria sui social

RSS

Articoli recenti



Articoli correlati



Commenti